Monrupino e dintorni

vegetazione carso (48052 byte) Provincia di Trieste, di esso infatti fanno parte solamente tre frazioni: Fernetti, Zolla e Rupingrande. Il territorio confina con la Slovenia ed il valico internazionale di Fernetti uno tra i pi importanti nella provincia. La zona ricca di boschi e di vegetazione carsica.             
Dall’abitato di Monrupino si sale alla Rocca che fu prima castelliere preistorico, poi castellum fortificato romano ed infine fortezza inespugnabile contro i Turchi.Quando divenne reale il periodo delle scorrerie turche, gli abitanti del luogo eressero intorno alla chiesa un rozzo muro, non molto spesso, ma con un legante molto tenace; la costruzione a quei tempi, con voce slava, veniva chiamata tabor. rocca di Monrupino (8710 byte)
Il tabor di Monrupino serv egregiamente allo scopo di proteggere gli abitanti del luogo. Ancora oggi i luoghi dove sorgono i castellieri conservano il nome Tabor (dallo slavo: luogo fortificato). Da questo nome deriva anche il nome del formaggio Tabor prodotto nel caseificio di Zolla.
Nel 1512, al posto di un precedente edificio sacro, venne edificata la chiesa dedicata alla Beata Vergine.
Il campanile, alto 19 metri del 1802 ed bene visibile da tutto il Carso.

Monrupino sicuramente l’attrattiva turistica del comune pi conosciuta. Sulla cima della collina si pu ammirare un ampio panorama sul golfo di Trieste e sui villaggi della vicina Slovenia.
Ma ci che colpisce, su questa sommit dominante, la serena pace del luogo: pace che dovuto alla lontananza dai rumori e dai fragori della vita odierna.
In questo ambiente suggestivo, lo spirito si lascia facilmente conquidere e soggiogare, e i miti e le leggende allignano agevolmente.
Si possono visitare la chiesa, l’antichissima casa comunale e il muro di cinta.

nozze carsiche (38051 byte) Durante i mesi estivi la rocca sede di numerose manifestazioni culturali, tra le quali la pi conosciuta sicuramente quella delle nozze carsiche che si svolge ogni due anni l’ultima domenica di agosto. I festeggiamenti hanno inizio una settimana prima delle nozze con l’addio al celibato e l’addio al nubilato.
Ogni sera si balla e ci si incontra nelle osmizze di Rupingrande. I festeggiamenti raggiungono il loro culmine la domenica delle nozze. Alla mattina gli invitati, in costume tradizionale, formano il corteo nuziale avviandosi verso Zolla (paesino vicino Rupingrande) per poi proseguire verso Monrupino, dove ai partecipanti viene offerto il tradizionale spuntino "sguazeto". Nel pomeriggio seguono le danze che continuano fino a notte fonda.

                                         

Come arrivarci  
bottone itinerari(1666 byte) bottone paesaggio carsico(1960 byte)
bottone home(1551 byte) bottone leggende(1709 byte)